Un marziano a Pescara


Domande ingenue alla Bella Addormentata

08/05/2012

“Metterci la faccia”. La soluzione di tutti i problemi?

Una valutazione collaterale sulle proteste seguite alla morte di Domenico Rigante.

Durante la manifestazione che si è svolta nella piazza del Comune, il sindaco Mascia ha incontrato i più esagitati fra gli intervenuti che – in puro stile pescarese – minacciavano il ricorso a soluzioni di vendetta “autogestita”. Mascia rimaneva li, con la faccia impassibile, ad ascoltare i deliri – parzialmente comprensibili – di queste persone e per ciò solo, per il solo fatto di “averci messo la faccia” avrebbe acquistato dei punti. Questo è quanto mi dicono persone non del tutto sprovvedute intellettualmente.

Ma basta veramente “metterci la faccia” – orribile luogo comune mutuato dalla politichetta nazionale e rimbalzato fino alle liti fra servette e sciampiste – per azzerare doveri e responsabilità?

Dichiara il sindaco Mascia: “Oggi, dopo l’omicidio, non possiamo far diventare Pescara un far west e generare delle faide ma bisogna essere fermi nei confronti di chi viola le regole, chiunque sia, e punirlo nella giusta misura.”

Come sarebbe a dire “Non possiamo far diventare Pescara un far west” dopo l’omicidio? Ma in quale città vive il sindaco Mascia? Ma si rende conto – pur non facendo l’avvocato penalista – dei livelli di violenza presenti a Pescara? Di cosa altro ha bisogno per mettere in mezzo alla strada tutti i vigili urbani di cui dispone?

* * *

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Leave a comment

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Bad Behavior has blocked 426 access attempts in the last 7 days.