Un marziano a Pescara


Domande ingenue alla Bella Addormentata

16/01/2012

Elezioni forensi a Pescara. Il “patto” con gli italiani… pardon, pescaresi

Archiviato sotto: Vita forense

Si avvicina il voto e si intensificano le attività elettorali dei soggetti interessati. Oggi arriva una mail della lista “un consiglio per tutti” che propone un “patto con gli avvocati” secondo un copione già visto in altra sede e che da molto da pensare.

Traducendo in italiano comprensibile quanto propongono nei primi quattro punto del loro “impegno per tutti”, si capisce che chi ha fatto parte del consiglio dell’ordine degli avvocati:

1 – ha cercato di rimanere insediato il più a lungo possibile (Svolgere le funzioni di vertice per periodi limitati, in modo da consentire l’alternanza e garantire a chiunque vi ambisca la possibilità di impegnarsi nelle funzioni consiliari);

2 – ha acquisito incarichi professionali per via dell’appartenenza al consiglio dell’ordine (Non assumere alcun incarico occasionato dalle funzioni svolte);

3 – ha gestito il consiglio dell’ordine con logiche di “oscurità” e “subordinazione” (Svolgere il mandato nell’assoluto rispetto dei principi di trasparenza, collegialità, tempestività ed indipendenza);

4 – ha tenuto all’oscuro i colleghi di ciò che accade nelle “segrete stanze” (Rendere edotti gli iscritti, mediante pubblicazione sul sito web dell’Ordine, di tutte le decisioni che il Consiglio assumerà e delle attività svolte);

Mi sembrano delle affermazioni molto serie, che richiederebbero una discussione pubblica e un confronto fra i diretti interessati.

* * *

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Leave a comment

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Bad Behavior has blocked 424 access attempts in the last 7 days.