Un marziano a Pescara


Domande ingenue alla Bella Addormentata

22/04/2007

“Come ti cementifico la spiaggia” di Enrico Paolini, Regional Minister of Tourism…

Archiviato sotto: Il campanile,La spiaggia

Il “Regional Minister of Tourism” Enrico Paolini annuncia su Il Centro che autorizzerà i balneatori a installare di fronte alla spiaggia delle chiatte galleggianti prive di impatto ambientale di trenta metri quadrati. Questo servirebbe, secondo il Regional Minister of Tourism, per offrire “prendisole” ai bagnanti.

Io non so da quanto tempo l’assessore al turismo Paolini manchi da Pescara, e non so se sia al corrente dello scempio che i balneatori hanno fatto del nostro lungomare. Fatto sta che la proposta delle chiatte è l’anticamera della cementificazione del mare.

Il copione è presto scritto: prima si installa una chiatta, poi se ne aggiungono due o tre, poi le si uniscono insieme e, per dar loro stabilità, si “ancorano” e poi ancora si poggiano su pilastri. A quel punto, come si fa a evitare di fare il pontile?

Voilà, il gioco è fatto: lo stabilimento sul mare è servito.

Poi, quando qualcuno – troppo tardi – si lamenterà del vergognoso stato del mare cittadino, si metterà la “pezza a colore” ma “facendo salvo lo stato di fatto”. Che tradotto dal giuridichese significa: chi ha dato ha dato, chi ha avuto, ha avuto.

Fantascienza? Mica tanto: gli stabilimenti balneari che soffocano il lungomare hanno seguito esattamente lo stesso percorso. Da “strutture amovibili” che dovevano essere smontate a ogni fine stagione sono diventati delle vere e proprie costruzioni in cemento e quando – passati anni – è arrivata la denuncia penale, il Comune di Pescara non ha trovato di meglio che cercare di salvare lo stato di fatto. Anzi, continuando a rilasciare concessioni edilizie per finire di tappare quel poco di mare che è rimasto visibile.

Assessore Paolini, per favore, lasci perdere la nostra spiaggia. Che a rovinarla sono già bravi da soli i nostri politici.

* * *

2 Comments »

  1. non so che dire, sinceramente, sono esterrefatto…sti politici sono fatti con lo stampo! non se ne salva uno!!…che tristezza!

    Comment by domenico — 28/04/2007 @ 8:09 pm

  2. Mi sembra che l’assessore di turno bazzichi le 4 vele o qualche stabilimento lì vicino, di Pescara Nord per intenderci..
    Io pianterei degli arbusti e alberi autoctoni se non vogliamo perdere pure quel poco di spiaggia che ci è rimasto..
    Suggerirei inoltre di impiantare delle mongolfiere (rigorosamente a pagamento) sugli stabilimenti più vip e trendy per poter vedere finalmente il mare e per capire in che stato sia stato ridotto da noi complici 8volento o nolenti) di questa politica perversa…

    Comment by Gianfausto — 01/05/2007 @ 4:11 pm

RSS feed for comments on this post.

Leave a comment

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Bad Behavior has blocked 417 access attempts in the last 7 days.