Un marziano a Pescara


Domande ingenue alla Bella Addormentata

15/09/2016

Ancora un articolo discutibile su Armi&Tiro

Archiviato sotto: Ordine pubblico

La rivista Armi&Tiro pubblica un articolo online dal titolo “Rodolfo Corazzo: fu legittima difesa”, a proposito della vicenda giudiziaria di una persona accusata di eccesso colposo di legittima difesa per avere ucciso un rapinatore.

Non entro nel merito della vicenda visto che non conosco gli atti processuali, ma a proposito dell’articolo osservo:

1 – dal titolo sembra che l’indagato sia stato assolto o che quantomeno sia stato archiviato il procedimento penale. In realtà questo non è vero perché – da quanto si legge – è stata formulata richiesta di archiviazione che dovrà essere valutata dal giudice per le indagini preliminari. E’ probabile che la richiesta venga accolta, ma fino a quel momento non si può “cantar vittoria”,

2 – l’articolista è molto sollecito nel riferire la nazionalità (straniera) del rapinatore,  ma non dice se il morto fosse un clandestino o un “regolare”. La notizia, dunque, è riferita come se il fatto di essere il rapinatore uno straniero rendesse più grave la vicenda “a prescindere”.

In sintesi, dunque, l’articolo:

  • lascia pensare che la vicenda giudiziaria si sia conclusa con un’archiviazione, e questo non è vero,
  • utilizza implicitamente la nazionalità del rapinatore come elemento “aggravante” di un fatto (la rapina con minaccia a un minore) già di per sè gravissimo,

e produce l’effetto di rinforzare le convinzioni xenofobe e giustizialiste dell’esercito di Ercolino Sempreinpiedi che sbavano all’idea di avere il “portodarmi”.

Questo modo di fare informazione mi sembra poco accettabile.

* * *

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Leave a comment

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Bad Behavior has blocked 524 access attempts in the last 7 days.