Un marziano a Pescara


Domande ingenue alla Bella Addormentata

06/10/2015

La tragica semplicità del caso Alessandrini e della delibera nascosta

I fatti sono evidenti:

  • la legge prevede che in caso di superamento dei limiti di inquinamento del mare deva essere emanato il divieto di balneazione,
  • la legge non lascia “margini di manovra” agli amministratori pubblici per decidere se emettere o no il divieto di balneazione,
  • il divieto di balneazione era stato emesso quindi il mare non era balneabile,
  • omettere di rendere pubblico il divieto di balneazione è stato un atto contro la legge.

Il sindaco di Pescara, Alessandrini, si è difeso sostenendo:

  • sapevo – o mi avevano garantito – che la situazione si sarebbe risolta da sola in un paio di giorni,
  • non ho fatto male a nessuno,
  • mica stiamo parlando del virus Ebola,
  • ho seguito una prassi già esistente.

Questi argomenti sono giuridicamente irrilevanti e sembrano, piuttosto, il frutto del tentativo di appellarsi a un “senso comune” che considera la legge una cosa da disapplicare quando serve.

* * *

1 Comment »

  1. Il sindaco Alessandrini sarà una brava persona ma ha dimostrato di non essere capace di fare il Sindaco, basta vedere come il sindaco sostanziale è il vice sindaco Del Vecchio (uomo di D’Alfonso)…..
    Non cedo ci sia bisogno di ulteriori commenti… purtroppo!!!

    Comment by Michele — 14/10/2015 @ 10:08 am

RSS feed for comments on this post.

Leave a comment

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Bad Behavior has blocked 491 access attempts in the last 7 days.