Un marziano a Pescara


Domande ingenue alla Bella Addormentata

13/07/2014

Ancora sulla superficialità dell’informazione: Il Centro, Repubblica.it e l’aria compressa che esplode

ilcentro Sottotitola Il Centro a proposito delle tre persone colpite da pallini di piombo sulla strada parco:

Ha esploso tre proiettili ad aria compressa

Capisco che forse l’autore dell’articolo non ha fatto il militare, ma non servono le stellette – o una laurea in fisica – per sapere che l’aria compressa usata per il tiro al bersaglio non esplode.

Repubblica.it (di cui Il Centro fa parte) non è da meno: benchè l’articolo parli di armi ad aria compressa (e dunque non da sparo), il sottotitolo “spara” (è il caso di dirlo) un’affermazione laconica:

Sequestrato un arsenale di una cinquantina di armi a un bancario

In entrambi i casi la suggestione tramsessa al lettore è che l’autore del gesto avesse la disponibilità di armi vere e proprie lasciando dunque immaginare di essere di fronte a un caso analogo alle stragi compiute dal folle americano di turno, e non – come si scopre solo leggendo l’articolo – a un gesto pur grave, ma reso possibile dall’uso di strumenti da tiro in libera vendita. Nessuno, però, si è posto il problema del come sia possibile acquistare strumenti del genere senza nemmeno essere identificati o identificabili.

* * *

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Leave a comment

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Bad Behavior has blocked 466 access attempts in the last 7 days.