Un marziano a Pescara


Domande ingenue alla Bella Addormentata

06/04/2014

I veleni di Bussi e i cafoni di Silone

Archiviato sotto: Il comune,Il passato,Il potere,Il sonno

Che un’azienda possa decidere, in nome del profitto, di avvelenare quattro cafoni meridionali magari comprandone il silenzio con dei posti di lavoro ci può anche stare. Come ci può stare che chi ha governato localmente per quarant’anni questi cafoni non si sia preoccupato di proteggerne l’incolumità, ma solo di ottenerne il consenso elettorale.

D’altra parte, visto che nessuno ha avuto il coraggio di alzare la testa e chiedere conto a politici, amministratori e autorità giudiziaria di un’inerzia durata una vita, dobbiamo effettivamente accettare il nostro ruolo, cafoni, appunto, non così diversi da quelli di Fontamara. Carne da macello sulla quale altri hanno potuto costruire fortune, successo e potere.

* * *

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Leave a comment

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Bad Behavior has blocked 470 access attempts in the last 7 days.