Un marziano a Pescara


Domande ingenue alla Bella Addormentata

22/05/2013

Il ponte del mare, la draga e Luigi Mascia

La “botta” che la draga ha inferto al Ponte del mare non è solo un evento fisico ma ha delle interessanti implicazioni simboliche.

Il caso ha reso possibile quello che nessuno, anche i più ostinati oppositori al progetto “Ponte del mare”, avrebbe mai potuto sperare: l’incidente che compromette l’agibilità del ponte.

Qualcuno dovrà risarcire i danni, sarà necessario fare delle perizie, sorgeranno contestazioni che probabilmente sfoceranno in vertenze giudiziarie, poi ci saranno gli iter amministrativi per autorizzare i lavori e poi i collaudi… insomma ce n’è abbastanza per ipotizzare che passeranno anni prima di poter passeggiare di nuovo sul fiume, da una sponda all’altra. E poi, se dovesse passare abbastanza tempo, il degrado che inevitabilmente colpirà quello che oramai sarà diventato un relitto nè imporrà senz’altro l’abbattimento.

Sarà interessante, dunque, vedere se il sindaco Luigi Mascia restituirà il più in fretta possibile il Ponte del mare ai pescaresi o se – con l’effetto di cancellare la memoria cittadina – lo lascerà deperire, abbandonato a se stesso.

* * *

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Leave a comment

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Bad Behavior has blocked 417 access attempts in the last 7 days.