Un marziano a Pescara


Domande ingenue alla Bella Addormentata

21/01/2017

La catastrofe dell’informazione

Archiviato sotto: Il potere,Il sonno,Ordine pubblico

L’emergenza coincidente di neve e terremoto in Abruzzo ha esposto ancora una volta l’incapacità dei media – e di quelli online in particolare – di offrire un reale servizio di rilevanza pubblica. Leggi il seguito

* * *

20/01/2017

La tragedia di Rigopiano e il voltastomaco

Archiviato sotto: Il campanile,Il potere,Ordine pubblico

La senatrice Pezzopane annunzia il ritrovamento in vita di tre persone, poi ritratta e dice che le avevano dato una notiza sbagliata e che non era vero, e poi i fatti (per fortuna) la hanno smentita clamorosamente.

Leggi il seguito

* * *

13/01/2017

Quindi, on. Melilla, comincia lei con il suo stipendio?

* * *

18/12/2016

Vendola e la tranquillizzante consapevolezza dell’opposizione “a prescindere”

Archiviato sotto: Il passato,Il potere,Il sonno

Dopo il fallimento di Rifondazione Comunista, dopo quello dei Comunisti Italiani, dopo quello di Sinistra Arcobaleno , anche Sinistra Ecologia e Libertà “porta i libri” nel tribunale della politica ma nello stesso tempo Vendola – si, ancora lui – annuncia la nascita dell’ennesimo partito-collettivo-movimento massimalista e, ovviamente, destinato anch’esso alla fine dei suoi predecessori.

Leggi il seguito

* * *

20/09/2016

Le incredibili dichiarazioni di Santomo

Archiviato sotto: Il potere,Ordine pubblico

All’indomani dell’ennesimo furto subito dall’imprenditore Santomo, si legge su Il Centro: Leggi il seguito

* * *

21/08/2016

Non basta una pistola per prendere i “cattivi”

Scrive Repubblica.it che una persona, sospettata di furto d’auto, è morta sparandosi al mento durante una fuga nella quale aveva esploso quattro colpi contro la polizia che lo inseguiva.  L’arma utilizzata contro le forze dell’ordine – scrive il giornalista – è una Beretta 84 che era stata sottratta a un operatore della polizia municipale.

Leggi il seguito

* * *

23/07/2016

Con la scusa del terrorismo…

Archiviato sotto: Il potere

Per “ragioni di sicurezza” nessuno si può più avvicinare alla Camera dei deputati.

Nemmeno i cittadini che vogliono, legittimamente e pacificamente, “farsi sentire”.montecitorio

* * *

14/06/2016

I fischi dei tifosi ad Alessandrini allontanano la Città da chi la vive

I fischi che i tifosi hanno indirizzato al sindaco Alessandrini durante la festa per la promozione del Pescara sono la misura della distanza fra amministratore e amministrati.

Leggi il seguito

* * *

06/06/2016

Pescara in caduta libera, ha dimenticato i tempi d’oro

Dopo Alitalia, RyaAir e Air Vallée, tocca a SNAV (vettore marittimo) di annunciare l’abbandono di Pescara.

Leggi il seguito

* * *

01/06/2016

Pescara Città Fogna – una lettera inviata al quotidiano Il Centro

Archiviato sotto: Il comune,Il potere,La sanità

Signor Direttore,
L’aria della notte scorsa e di questa mattina è stata impestata dal tanfo prodotto dal sansificio che ha reso difficile dormire con tranquillità.
Con buona pace di Comune, Provincia, ASL e ARTA, dunque, dopo il mare anche l’aria di Pescara “sa di fogna”.
Mi sembra un’ottima strategia di marketing turistico – oltre che di tutela della salute e del riposo dei cittadini.
Grazie per l’attenzione.

* * *

18/05/2016

La paralisi della classe dirigente locale e la forza del mercato

Il tentativo disperato e intellettualmente disonesto del Comune di Pescara di sostenere che – magicamente – ora l’acqua del mare è balnealbile e la colossale insufficienza di Comune e Regione Abruzzo di fronte alla fuga delle compagnie aeree dall’aereoporto di Pescara sono du facce della stessa medaglia: una strutturale incapacità amministrativa di fronte a situazioni che non possono essere liquidate con proclami, battute e promesse, perchè le forze in gioco – quelle del mercato – sono molto più forti di quelle di politici e amministratori locali. Dunque, invece di difendere con le unghie e con i denti le due risorse fondamentali per l’economia di tutta la regione, i “governanti” non sanno letteralmente che pesci prendere.

Leggi il seguito

* * *

20/04/2016

Morire per questa Italia?

Quando leggo notizie come quelle di Carbone, il parlamentare PD che manda il “ciaone” a chi stava votando per il referendum, del suo segretario di partito e presidente del consiglio che invita a non votare o le dichiarazioni di due parlamentari (Amoruso e Barani) che liquidano la questione Regeni con un ragionamento del tipo: perché dovremmo litigare con l’Egitto per Regeni, quando con l’India, per i marò non lo abbiamo fatto, mi domando per quale motivo un soldato, un poliziotto, un pompiere o – un normale cittadino – dovrebbero scegliere di mettere in pericolo la propria vita.

Leggi il seguito

* * *

09/04/2016

Alessandrini, Del Vecchio e Donat-Cattin: diluire non inquina…

Alessandrini e del Vecchio annunciano una soluzione temporanea per ridurre l’inquinamento del mare: una barriera mobile che dirotta l’acqua inquinata verso il largo. L’effetto di questa misura è quello di allontare i liquami dalla riva e lasciare che correnti e diluizione facciano il resto.

Leggi il seguito

* * *

25/03/2016

Cancellati i voli per Roma. Dopo Ryanair, anche Alitalia vola altrove

Continua inesorabile la caduta libera dell’aereoporto di Pescara verso lo schianto: dopo Ryanair, ora anche Alitalia cancella delle tratte (quelle su Roma), mentre la Saga pensa di riprendere il controllo della struttura “aprendo” rotte balcaniche. Tradotto: chi se ne frega delle necessità di cittadini e imprese di essere collegati con l’Europa e con il resto del mondo occidentale, meglio importare turisti (più o meno) facoltosi sperando che lascino qualche rublo anche in Abruzzo.

Leggi il seguito

* * *

17/03/2016

Veleni di Bussi: quando la realtà sconfessa il diritto

Archiviato sotto: Il potere

La discarica di Bussi inquina ancora. E, questo, con buona pace del tribunale penale di Chieti che assolse gli imputati – manager di alto livello di imprese multinazionali – sostenendo che, si, l’acqua era inquinata ma “non troppo”.

Leggi il seguito

* * *

13/03/2016

Chi non salta bianco è…

renzi1renzi2Uno degli artifici retorici più utilizzati nella “dialettica” politica è accusare gli avversari senza fare nomi.

Leggi il seguito

* * *

01/03/2016

Ancora sulla senatrice Chiavaroli e la corte d’appello che non verrà mai a Pescara

La lettera che ho scritto a Il Centro sulle dichiarazioni del sottosegretario alla giustizia Federica Chiavaroli (nativa di Penne), ha suscitato le scomposte reazioni – pubblicate anch’esse dal giornale – di un avvocato aquilano che mi accusa di sostenere tesi ridicole e campanilistiche. Classica reazione di chi, non avendo argomenti, cerca di spostare la discussione sull’insulto in modo da far dimenticare il tema del confronto: se abbia ancora senso lasciare la corte d’appello a L’Aquila e  – più in generale – se abbia ancora senso che L’Aquila sia ancora il capoluogo di regione.

Leggi il seguito

* * *

21/02/2016

Addio RyanAir. Da Alessandrini & C(omune) silenzio assordante

Archiviato sotto: Il comune,Il potere,Il sonno

L’aereoporto sarà anche sul territorio di San Giovanni Teatino, ma è chiaramente fruito innanzi tutto dai pescaresi. Ci si sarebbe aspettato che di fronte alla crisi oramai storica e al colpo di grazia inferto da Ryanair che decide di lasciare Pescara, Alessandrini e il (vice)sindaco Del Vecchio facessero  – meglio tardi che mai – qualcosa. E invece no: dal Comune di Pescara nemmeno uno straccio di comunicato stampa sull’argomento.

Leggi il seguito

* * *

Lontana la sezione staccata della Corte d’appello a Pescara

Archiviato sotto: Il campanile,Il potere

La senatrice NCD Chiavaroli, sottosegretario alla giustizia, dichiara che la sezione staccata della Corte d’appello a Pescara non si farà.

Leggi il seguito

* * *

17/02/2016

Il mare inquinato e la fine del PD pescarese (Alessandrini incluso)

Salvo miracoli divini o normativi (tipo, “innalzamento della concentrazione di colibatteri nell’acqua” stile atrazina di donatccatiniana memoria) la stagione balneare 2016 è condannata e la responsabilità prossima per la mancata soluzione del problema è chiaramente del PD e di Alessandrini. Ovviamente, questo non è vero in termini più ampi perché stiamo pagando decenni di incapacità o – peggio – stupida connivenza amministrativa di un’intera classe dirigente che fra errori e disinteresse ha lasciato che si arrivasse a questo punto, ma si sa che in politica la colpa è sempre dell’ultimo arrivato, di quello che rimane con il cerino in mano.

Leggi il seguito

* * *

16/02/2016

Le strategie turistiche dell’assessore Cuzzi per Pescara

Archiviato sotto: Il comune,Il potere,Il sonno

L’assessore Cuzzi vuole tassare i turisti che vengono a Pescara facendo pagare loro un Euro per ogni giorno di permanenza fino a un massimo di sette giorni.

Leggi il seguito

* * *

30/01/2016

Alessandrini, Del Vecchio e la domenica ecologica ovvero: digiunare una volta alla settimana fa dimagrire

Dopo il tentativo finito sul nascere delle inutili targhe alterne, ora il (vice)sindaco Del Vecchio e l’altro, Alessandrini, ricorrono alle inutili domeniche ecologiche per ridurre i livelli di smog a Pescara.

Leggi il seguito

* * *

16/01/2016

Targhe alterne: Alessandrini, Del Vecchio e l’abuso della statistica

Dichiara il (vice)sindaco Del Vecchio che
Leggi il seguito

* * *

09/01/2016

Con le targhe alterne il Comune mette nei guai i bambini del “tempo pieno”

Archiviato sotto: Il comune,Il potere

L’inutile imposizione della circolazione a targhe alterne funzionerà dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 18,30, così, secondo il Comune di Pescara, sono “fatti salvi” i genitori che devono riprendere i bambini a scuola.

Leggi il seguito

* * *

08/01/2016

Targhe alterne e (non) segnaletica. Il vicesindaco Del Vecchio vuole fare “il milanese”

Dichiara il (vice)sindaco Del Vecchio a Il Centro: Leggi il seguito

* * *

02/01/2016

Scoperto il motivo dello scempio sulla Golena Sud

Archiviato sotto: Il cemento,Il comune,Il potere

In un altro post mi chiedevo cosa fossero le enormi costruzioni in acciao realizzate dal Comune sui varchi di accesso alla Golena Sud.

Leggi il seguito

* * *

Targhe alterne e case più fredde. Ma Pescara non è Milano (e nemmeno Roma)

Per il Comune di Pescara – e il sindaco Alessandrini – il 2016 inizia come è finito il 2015: con dei provvedimenti “modaioli” quanto inutili. A fine anno aveva vietato i botti per tutelare i cani, all’inizio del nuovo annuncia le targhe alterne – ma solo due giorni la settimana – e il raffreddamento coatto delle abitazioni per combattere lo smog.

Leggi il seguito

* * *

31/12/2015

Vietare i botti per tutelare i cani è un’insulto alle persone

Archiviato sotto: Il comune,Il potere,Il sonno

Vietare i botti di fine anno può avere senso per evitare danni a chi li usa e a chi li subisce.

Riduce il carico di lavoro del pronto soccorso, e lo rende disponibile a chi ha veramente bisogno di cure in emergenza.

Leggi il seguito

* * *

21/12/2015

Ancora sul quartiere 5 – Circoscrizione Colli: la nuova banlieue pescarese

Archiviato sotto: Il comune,Il potere,Il sonno

Le zone evidenziate in rosso indicano i posti occupati o potenzialmente occupabili da parte dei diseredati che vivono a Pescara.

Leggi il seguito

* * *

Grazie al Comune, il quartiere 5 diventerà la nuova banlieue di Pescara

“Improvvisamente” la città si accorge che l’incompiuto comando dei Carabinieri di via Rigopiano è occupato da senzatetto ed è diventato una “tela” per i graffitari.

Leggi il seguito

* * *

17/12/2015

Solo sansa…

Altra incredibile uscita del Comune di Pescara, nella persona del vicesindaco Del Vecchi0: la puzza che ammorba la città non è di merda, ma di sansa, e dunque va bene perché non ci sono pericoli per la salute.

Leggi il seguito

* * *

13/12/2015

Un altro scempio a Pescara vecchia? Occhio non vede, cuore non duole

Archiviato sotto: Il cemento,Il comune,Il potere

Impalcature nella Golena SudNel silenzio di stampa e soprintendenza, nella Golena Sud sono stati installati dei pilastri in ferro quasi appoggiati alle pareti del Bagno Borbonico che partono dall’arco che consente l’accesso su via della Caserme e proseguono fino al Ponte di ferro. Non ci sono cartelli che spiegano a cosa servano, fatto sta che sembrano – ma non sono un architetto – delle strutture di supporto a “qualcosa”, come per esempio una corsia o una rampa d’accesso. E’ l’ennesima brutalizzazione che verrà inflitta alla memoria sempre più debole della nostra città?

Leggi il seguito

* * *

05/12/2015

Renzi impugna la legge abruzzese che blocca le trivelle in mare

Renzi impugna la legge regionale abruzzese che blocca la trivellazione dell’Adriatico.

Leggi il seguito

* * *

30/11/2015

Alessandrini, Diodati, lo stadio Adriatico e la lite temeraria

Archiviato sotto: Il cemento,Il comune,Il potere

La Soprintendenza vincola l’intero stadio Adriatico e dunque sfuma il piano della Delfino Pescara, dei suoi soci, e del Comune per sfrattare l’atletica leggera e trasformare il campo sportivo pubblico in una struttura sostanzialmente privata e dunque sottratta alla città.

Leggi il seguito

* * *

29/11/2015

Archiviata la denuncia a carico del sindaco di Pescara per l’ordinanza fantasma. Tutto risolto?

Giustizia è fatta: retrodatare un’ordinanza senza pubblicarla non è reato e dunque una parte del procedimento a carico del sindaco di Pescara e altri si è conclusa (rimane in piedi l’altra accusa, relativa all’omissione di atti d’ufficio).

Leggi il seguito

* * *

26/11/2015

Addio allo stadio Adriatico e all’atletica leggera

Il Comune di Pescara annuncia l’intenzione di demolire lo stadio Adriatico e di costruirne uno nuovo, anzi, di consentire alla Delfino Pescara e ai suoi soci di costruirne uno nuovo che sarà di loro proprietà. La giustificazione della scelta è, a dire degli amministratori locali, risparmiare 1,3 milioni di Euro in costi di gestione.

Leggi il seguito

* * *

15/11/2015

Tassonomia del guerrafondaio italico nel post-parigi

Archiviato sotto: Il potere

C’è il populista che strilla “guerra subito”.

Leggi il seguito

* * *

23/10/2015

Il sindaco Alessandrini e lo scatto di reni

Archiviato sotto: Il campanile,Il comune,Il potere

Gli uomini possono sbagliare.

Marco Alessandrini è un uomo.

Marco Alessandrini può sbagliare.

Leggi il seguito

* * *

21/10/2015

Il sindaco Alessandrini, Moreno Di Pietrantonio e l’errore in buona fede

La vicenda della retrodatazione da parte del sindaco Alessandrini dell’ordinanza che vietava la balneazione per via dello sversamento di liquami in mare sta assumendo toni grotteschi.

Leggi il seguito

* * *

18/10/2015

Il curioso distinguo fra etica pubblica e privata di Mario Amicone

Archiviato sotto: Il potere,La spiaggia

Un dipendente dell’ARTA, scrive Il Centro, ha subito una sanzione disciplinare perchè, violando il codice etico dell’agenzia, ha rivelato il mancato funzionamento del depuratore di Francavilla. Questa è la spiegazione che fornisce l’assessore regionale Mario Amicone.

Leggi il seguito

* * *

17/10/2015

Il caso Alessandrini. Quando la nave affonda, si salvi chi può

All’indomani della confessione del sindaco di Pescara di avere retrodatato l’ordinanza sul divieto di balneazione, èa  iniziato il fuggi-fuggi dalla giunta Alessandrini. SEL, scrive Primadanoi.it, dichiara che
Leggi il seguito

* * *

16/10/2015

Alessandrini e la goffaggine amministrativa

Come sempre, prima i fatti e poi le considerazioni:

  • interrogato dal pubblico ministero, il sindaco Alessandrini nega di avere retrodatato l’ordinanza di divieto di balneazione “formalmente” emessa (e mai pubblicata) il primo agosto,
  • messo a confronto con una intercettazione che lo riguarda, il sindaco Alessandrini cambia versione e ammette di avere retrodatato il provvedimento, emesso in realtà soltanto il 3 agosto,
  • richiesto di chiarire la circostanza, il sindaco Alessandrini sostiene che la vicenda è frutto di un tecnicismo burocratico e di avere errato in buona fede.

Leggi il seguito

* * *

06/10/2015

La tragica semplicità del caso Alessandrini e della delibera nascosta

I fatti sono evidenti:

  • la legge prevede che in caso di superamento dei limiti di inquinamento del mare deva essere emanato il divieto di balneazione,
  • la legge non lascia “margini di manovra” agli amministratori pubblici per decidere se emettere o no il divieto di balneazione,
  • il divieto di balneazione era stato emesso quindi il mare non era balneabile,
  • omettere di rendere pubblico il divieto di balneazione è stato un atto contro la legge.

Leggi il seguito

* * *

19/09/2015

La sensibilità istituzionale di Matteo Renzi

Archiviato sotto: Il potere

Renzi va a New York per rappresentare l’Italia nella finale del torneo di Flashing Meadows, quando istituzionalmente il compito sarebbe stato, nell’ordine, del Presidente della Repubblica, di quello del Senato e  di quello della Camera.

Leggi il seguito

* * *

22/08/2015

La imbarazzante autodifesa del sindaco Alessandrini

Il sindaco Alessandrini si difende in questo modo (bollando il tutto come “polemica estiva”) sulla questione della mancata applicazione dell’ordinanza che vietava di bagnarsi nel mare di Pescara dopo lo sversamento di migliaia di litri di liquame nel fiume. In particolare, per minimizzare la vicenda, il sindaco avrebbe affermato che “non vi è un virus ebola in atto”.

Leggi il seguito

* * *

17/08/2015

Il revisionismo storico del ministro Pinotti (e la cronaca compiacente di Repubblica.it)

Archiviato sotto: Il passato,Il potere

Oggi Repubblica.it pubblica un articolo sulla morte dell’ultimo incursore della X MAS e riporta le dichiarazioni del ministro Pinotti che parla di “eroi” della “impresa di Alessandria d’Egitto”.

Leggi il seguito

* * *

16/08/2015

Alessandrini, l’acqua sporca e l’inerzia dei pescaresi

Nessuno pagherà per la mancata pubblicizzazione dell’ordinanza di divieto di balneazione resa necessaria (ma tenuta nascosta dall’amministrazione comunale) per lo sversamento di liquami nel fiume Pescara dello scorso 28 luglio.

Leggi il seguito

* * *

22/07/2015

Siti per lo stoccaggio di scorie nucleari anche in Abruzzo?

Da Primadaonoi.it Leggi il seguito

* * *

21/07/2015

La libertà di panorama è una fregnaccia

Da qualche tempo si sente parlare della necessità di regolare la “libertà di panorama”, cioè il “diritto” di fotografare o videoriprendere paesaggi rurali o urbani, inclusi palazzi e monumenti. La “logica” del tentativo di imporre un limite alla “libertà di panorama” sta nel fatto che amministratori pubblici e soggetti privati proprietari di beni immobili di valore non vogliono che qualcuno si “arricchisca” con le fotografie ma senza “pagare pegno”.

Leggi il seguito

* * *

15/07/2015

L’involontario umorismo geopolitico della Mogherini (Lady PESC)

Archiviato sotto: Il potere,Il sonno

umorismo Senza parole.

* * *
Newer Articles »

Bad Behavior has blocked 417 access attempts in the last 7 days.